In arrivo da novembre 5 appuntamenti per discutere di accessibilità, creatività, condivisione, sostenibilità, formazione&innovazione.

Un modo per dialogare con ospiti di fama internazionale e soffermarsi su tematiche di partecipazione e cittadinanza attiva.

 

FuturaTrento | Cinque momenti di confronto e condivisione

Contesto. Una città non può definirsi davvero smart se non riesce a condividere le sfide che la attendono, le criticità che la attraversano, le opportunità che la possono rendere migliore. La piattaforma FuturaTrento è uno strumento importante per favorire la creatività e la voglia di mettersi in gioco dei cittadini più giovani, ma non ci possiamo illudere che da sola possa trasformare l’approccio della comunità nei confronti della gestione della complessità urbana. “La città intelligente è un processo non una destinazione finale” (1), e in quanto tale va costantemente coltivata e mantenuta, con cura, pazienza e curiosità. “La città intelligente è il luogo dei dialoghi”, “Gli esseri umani sono il soggetto protagonisti dell’attività sul web”, “L’intelligenza di una città non è la somma di cambiamenti casuali. L’intelligenza di una città è il frutto di una costante attività di innovazione e di interazione economiche e sociali.” (2) Dobbiamo partire, così come all’interno di un percorso formativo che riguarda ogni singolo cittadino, dal tentativo necessario di condividere principi e linguaggi, così da scegliere consapevolmente in che direzione muoverci e in che modo valorizzare allo stesso tempo gli strumenti che l’innovazione tecnologica ci offre e le peculiarità che costituiscono il valore aggiunto – spesso nascosto – di ogni territorio. I cinque caffè dibattito che Impact Hub propone, in sinergia con i vari partner del progetto FuturaTrento, vogliono aiutare a costruire questo terreno comune.

Obiettivi. Far conoscere e utilizzare la piattaforma FuturaTrento, ma non solo. La crescita – qualitativa e quantitativa – delle idee che i cittadini sapranno generare e realizzare è la conseguenza di un cambiamento di paradigma nella gestione stessa dei beni comuni presenti sul territorio. Non più attraverso una divisione netta di responsabilità tra amministratori e amministrati ma una continua e proficua interlocuzione capace di mettere a valore (economico, sociale, organizzativo) ogni singola energia e competenza che provenga dalla comunità. All’interno dei cinque caffè dibattito si cercherà di aiutare la città a rintracciare le precondizioni necessarie al coltivare l’ambizione di essere davvero smarrì city. Partiremo quindi da quelli che sono comunemente riconosciuti come i criteri di valutazione delle qualità della città intelligente, provando a analizzarli grazie anche al contributo di esperti che in ogni appuntamento proporranno la propria visione rispetto al tema proposto.

Metodo. Il metodo scelto non è quello del classico caffè dibattito. La durata di ogni appuntamento sarà di due ore e mezzo, non un minuto di più. La prima parte (un’ora circa) sarà dedicata agli interventi introduttivi dei relatori, capaci di introdurre il tema e approfondirlo. L’ora successiva avrà invece come obiettivo quello di realizzare un dibattito generativo tra i presenti, sperimentando quello che la piattaforma FuturaTrento può fare, cioè mettere in connessione idee, persone, competenze e risorse. L’ultima mezz’ora (o quel che rimarrà del tempo a disposizione) servirà agli ospiti per offrire una conclusione all’incontro, frutto del lavoro precedente e significativa per depositare alcuni appunti che sappiano diventare condivisi della discussione realizzata,

(1)(2) Michele Vianello – Smart Cities, Pionero 2013

 

 

Ecco gli appuntamenti, sui diversi temi della smartcity, in luoghi diversi della città di Trento:

CREATIVITA’ – 10 novembre 2015 | Circolino, Piazza Venezia

FORMAZIONE&INNOVAZIONE – 26 novembre 2015 | Impact Hub, Via Sanseverino 95

CONDIVISIONE – 9 dicembre 2015

ACCESSIBILITA’ – 12 gennaio 2016

SOSTENIBILITA’