Al via una campagna di crowdfunding

per la Casa dei bambini in riva al Lago

 

È partita la raccolta fondi dell’associazione Montessori Alto Garda e Ledro a sostegno del progetto educativo famigliare e parentale ad indirizzo Montessori negli spazi dell’area Miralago.

 

 

 “Per aiutare un bambino, dobbiamo fornirgli un ambiente che gli consenta di svilupparsi liberamente” (Maria Montessori)

 

Lo scorso settembre in alcuni spazi dell’area Miralago, messi a disposizione dell’amministrazione comunale di Riva del Garda, ha preso avvio il progetto educativo Montessori “Le ali dei bambini”.

In questo luogo una quindicina di bambini, con due insegnanti formate all’Opera nazionale Montessori, stanno imparando a scoprire sé stessi, a credere nelle proprie capacità e a diventare adulti consapevoli, resilienti, educati. Per farlo hanno bisogno di un ambiente che consenta loro di svilupparsi liberamente –  come diceva Maria Montessori – dove tutto sia a misura di bambino.

Il bambino infatti deve poter apprendere secondo il proprio interesse e il proprio ritmo, con un approccio che non è solo istruzione, ma è educazione, è formazione dell’individuo, rivolgendosi ai bambini nella loro globalità e rispettandone le libere scelte.

L’associazione Montessori Alto Garda e Ledro si è costituita lo scorso anno proprio con l’obiettivo di promuovere la nascita di una sezione Montessori nella scuola pubblica rivolta ai bambini da 3 a 11 anni. In attesa di raggiungere questa meta, ha deciso di avviare un progetto educativo famigliare e parentale ad indirizzo Montessori negli spazi dell’area Miralago a Riva del Garda, in un edificio dal passato storico, che risale al periodo nel quale la borghesia della Mitteleuropa frequentava, fra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, l’Alto Garda; edificio da sempre destinato ad essere un luogo di cura della persona e dei bambini.

Materiale Botanica

Per dare le ali a questo progetto l’associazione si è accollata interamente gli oneri, suddividendo i compiti tra i vari soci. I genitori si occupano personalmente dell’organizzazione, della manutenzione e delle pulizie per ridurre al minimo gli oneri alle famiglie che stanno sostenendo il progetto con le loro forze economiche.

L’associazione dopo aver selezionato gli insegnanti, si è affidata alla supervisione di una esperta educatrice e formatrice per l’Opera Nazionale Montessori, che verificherà passo passo l’evoluzione del progetto e l’applicazione del “metodo”.

Ha selezionato i materiali scientifici di sviluppo e gli arredi necessari che sono la base necessaria per l’approccio montessoriano e sono anche la voce di spesa più ingente per la crescita del progetto.

«Per far volare il progetto ora serve un aiuto per l’acquisto di ciò che ancora manca – spiega la presidente -. Con la collaborazione preziosa di Impact Hub Trentino abbiamo quindi avviato il progetto di Crowdfunding, ossia una campagna di raccolta fondi on-line in cui è possibile donare con bonifico o carta di credito».

Per sostenere questo progetto occorre accedere alla piattaforma di raccolta fondi www.produzionidalbasso.com e seguire la semplice procedura per fare una donazione a partire da 1 euro.

«Toglietevi una curiosità, venite a vedere il nostro video che in pochi minuti illustra la bellezza dell’approccio di Maria Montessori e poi …. seguite il vostro cuore».

A questo indirizzo la campagna

 https://www.produzionidalbasso.com/project/le-ali-dei-bambini/

 

Per informazioni:

mailto: montessori.altogarda@gmail.com

www.montessorialtogarda.it