La scorsa domenica la Casa dei Bambini ha aperto le porte al pubblico. Ed è stato subito un successo: oltre 300 persone hanno visitato gli spazi allestiti dall’Associazione Montessori Alto Garda e Ledro nella ex Colonia Miralago e concessi dal Comune di Riva del Garda.

Al punto che l’associazione ha dovuto aggiungere una presentazione del percorso, alle due già in programma, e organizzare turni di ingresso. Tanto, soprattutto, è stato l’interesse dimostrato da tutti i partecipanti al progetto di educazione parentale “Le ali dei bambini” che l’associazione, dallo scorso mese di settembre, gestisce sotto la guida di due insegnanti formate all’Opera nazionale Montessori e di una coordinatrice didattica.

 

23473059_1976311039250780_5993724339176352940_n

 
Un successo insperato, come spiega la presidente Tatiana Moncalieri: “Abbiamo ricevuto tante domande, anche specifiche, per capire come abbiamo organizzato il progetto e la didattica, quale è il materiale scientifico che utilizziamo e quali sono i nostri obiettivi. Ci sono state non solo famiglie con bambini, ma anche insegnanti, educatori, rappresentanti istituzionali e di altre realtà a noi vicine come la Scuola nel Bosco che offre, come noi, una proposta educativa differenziata nell’Alto Garda e Ledro. I bambini poi hanno potuto sperimentare sotto la guida di insegnanti formate il materiale scientifico Montessori, divertendosi e imparando. Che dire, siamo davvero contenti”.
Di fronte a tanto entusiasmo l’Associazione ha rinnovato i suoi sforzi: l’1 dicembre, infatti, a partire dalle 20.30, presso la Sala della Comunità di Valle a Riva del Garda, in viale Rosmini, si terrà una serata informativa dal titolo: “L’Ambiente Maestro: interpretare lo spazio secondo il pensiero di Maria Montessori”, con Barbara Caprara, ricercatrice in didattica presso la Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università di Bolzano, ingresso libero e gratuito.

Prosegue intanto, fino a fine mese, la campagna di crowfunding realizzata con il supporto di Impact Hub Trentino, indirizzata alla raccolta di fondi per l’acquisto di materiale indispensabile per il Metodo Montessori, praticato in circa 20.000 scuole in tutto il mondo e basato sulle Case dei Bambini, simili all’ambiente di vita naturale dei piccoli, dove ad un ambiente armonioso e ordinato, che facilita il movimento e l’attività, si uniscono materiali specifici per l’educazione sensoriale e motoria del bambino e adatti al suo sviluppo cognitivo.
In queste prime settimane sono stati raccolti quasi 5.000 euro grazie al prezioso contributo di tante persone che credono nel progetto.

Ecco il link alla campagna https://www.produzionidalbasso.com/project/le-ali-dei-bambini/

 

Associazione Montessori