Che anno scuppiettante!

Il progetto di Servizio Civile a Impact Hub

Come descrivere il mio Scup – progetto di servizio civile universale provinciale – a Impact Hub? È una sfida davvero impegnativa perché in meno di un anno sono stata coinvolta in mille progetti che spaziano dal festival dedicato all’illustrazione ad attività volte a far scoprire le nuove forme d’imprenditorialità.
Potrei descrivere il mio Scup in tre parole: variopinto, formativo e frenetico.
Variopinto perché tramite la natura degli eventi a cui ho partecipato e l’innovativa community che anima Impact Hub, ho avuto la possibilità di scoprire i principali enti del territorio ed il network globale.
Formativo per gli strumenti lavorativi che ho appreso: dalla creazione di contenuti per la comunicazione e promozione degli eventi all’importanza di lavorare in un team strutturato.
Frenetico perché entri ogni giorno in contatto con una moltitudine di persone e hai tanti progetti a cui collaborare, avendo la possibilità d’implementare le tue soft skills, ma anche tanti momenti di divertimento stimolante con i membri della community, cuore pulsante del progetto!
E poi una nota a parte va fatta per il team con cui collaboro: una combriccola di battutari  che tra una una risata e l’altra s’impegnano nella continua ricerca di progetti sempre diversi a cui dedicarsi anima e corpo.
Proprio osservando loro all’opera, ho realmente capito la cosa più importante di tutte e che magari si da un po’per scontato: l’importanza di fare il lavoro che ti piace; quel lavoro per cui non ti pesa così tanto far ore su ore e che ti stimola sempre a migliorarti con la consapevolezza che quello che fai ha un impatto positivo se realizzato con entusiasmo.

Lorenza
(al suo 10/12 mese i servizio civile a Impact Hub)

 

Sei curioso di scoprire il nuovo progetto in partenza a giugno? Visita la pagina: https://bit.ly/2PJrVFd

—-Le candidature sono aperte fino al 15 aprile—