29 marzo Linee B e 1
30 March 2016 - stefaniacosta

29 marzo 2016.

 

Un orologio che corre troppo velocemente. E’ questa la sensazione che si prova quando si tenta di descrivere lo stato dell’arte di una città. Lo spazio urbano si muove sotto spinte potenti. Flussi di persone, di sentimenti, di innovazioni tecnologiche e sociali. Vale anche per Trento, solo apparentemente immobile rispetto alla frenesia globale che la circonda. Una sola fotografia rischierebbe di risultare mossa. Abbiamo pensato quindi a una serie di video per raccontare diversi aspetti della smart city. Immagini e suoni. L’obiettivo è creare un vocabolario – e con esso un linguaggio – comune, utile a ogni cittadino e cittadina per stare consapevolmente nella città che abitano.

Linea B #Trento smartcity
Abbiamo portato a spasso i primi due ospiti di “Prossima fermata, FuturaTrento!” sugli autobus che quotidianamente percorrono le vie della città. In mattinata abbiamo attraversato il centro storico e salita la collina fino alle Laste con la linea C. Di pomeriggio siamo passati per il Bus de Vela fino a raggiungere Sopramonte sulla linea 1. Senza volerlo abbiamo atteso il ritorno dell’ora legale per cominciare il progetto, guadagnando un’ora di luce per le riprese. Il primo vero sole di primavera ci ha messi in difficoltà nella scelta delle posizioni per le interviste e – causa abbigliamento errato – ci ha fatti sudare in maniera esagerata. Eppure il bel tempo e l’ingresso nella bella stagione non può che essere letto come un ottimo auspicio per la prosecuzione del lavoro. Chi ben comincia… 

Linea 1 #Benessere

Dieci minuti di attesa al capolinea di Sopramonte. All’andata pochi compagni di viaggio, non tutti interessati all’argomento. In pochi istanti – all’apertura delle porte – un nutrito gruppo di giovanissimi invade il mezzo riempiendolo da cima a fondo. Sono due classi di un istituto superiore di Verona in gita. Un miscuglio di provenienze, di lingue, di stili nel vestire che è riuscito a stupirci, forse proprio per l’incredibile concentrazione in uno spazio tanto angusto. L’immagine più efficace per raccontarci il portato di diversità e ricchezza di cui sono piene le nostre comunità. Non sono stati ascoltatori attenti (anzi) ma ci hanno spiegato che anche dentro questo prezioso incontro tra differenze dobbiamo cercare i contorni della città del futuro.
20160329_151551
Non abbiamo parlato dei contenuti? Avete ragione.
Venite ad ascoltarli direttamente in autobus o aspettate l’uscita dei video.