Piazze Vive è un contest di idee!

PiazzeVive seleziona idee imprenditoriali, attività culturali e servizi da sviluppare nei locali sfitti

dei Comuni di Bosentino, Calceranica, Caldonazzo, Centa, Vattaro e Vigolo Vattaro

Piazzevive_marchio_DEF_HighRes

 

Il progetto territoriale PiazzeVive è stato promosso da The Hub Rovereto e Cassa Rurale di Caldonazzo, in collaborazione con i Comuni di Bosentino, Calceranica, Caldonazzo, Centa, Vattaro e Vigolo Vattaro.

Lo scopo dell’iniziativa è quello di affrontare il problema delle piazze “desolate”- molto sentito nei piccoli Comuni in modo innovativo, costruttivo e soprattutto partecipato, attraverso la creazione di una sorta alleanza tra categorie: proprietari di immobili, comunità e imprenditori.

Dal 10 ottobre 2013 è stato aperto il contest di idee per l’individuazione di progetti d’impresa (attività o servizi) interessati a candidarsi per occupare gli spazi messi a disposizione dai proprietari degli immobili aderenti a PiazzeVive (la lista degli spazi è consultabile sul sito internet dell’iniziativa).

Il contest era rivolto a qualunque soggetto privato volesse gestire questi spazi: imprenditori, commercianti, artigiani, liberi professionisti, cooperative, studenti, giovani e associazioni, etc… applicando la propria idea imprenditoriale agli spazi interessati tra quelli disponibili indicando una proposta di affitto che rendesse sostenibile l’attività proposta.

Il termine per le candidature era fissato entro il 6 dicembre 2013.

Visita il sito www.piazzevive.it

Visita la pagina facebook di Piazze Vive

 

immagine piazzevive

 

 

La Giuria ha selezionato i progetti che garantiscono maggiore sostenibilità economica e finanziaria nel medio periodo, oltreché le proposte che maggiormente tengano in considerazione le richieste della comunità  locale,  monitorate nella prima fase del progetto e rintracciabili sul sito internet di riferimento.

L’iniziativa nata per ripopolare i locali sfitti in sei Comuni trentini ha concluso la fase di individuazione delle idee imprenditoriali raccogliendo 20 domande. Le proposte spaziano dal riuso creativo all’upcycling, dai prodotti a km0 ai laboratori di pasticceria, dagli accessori per animali all’abbigliamento, dalla fotografia ai servizi per il dopo scuola.