Caricamento Eventi

80 giorni nella vita di un altr*

Francesco ha 35 anni, è nato e vive a Trento a Trento, è eterosessuale e nella vita fa l’ingegnere. Il gioco inizia, le carte vengono distribuite e Francesco si trasforma in Besede, donna delle pulizia congolese bisessuale.

Può succedere anche questo a “80 giorni nella vita di un altr* il gioco da tavola ideato da associazione culturale [email protected] che per la prima volta si è giocato il mese scorso a Impact Hub.

“80 giorni nella vita di un altr*” non è solo un gioco di ruolo, è un gioco per riflettere su stereotipi e pregiudizi.

Venti persone si sono sfidate al tavolo da gioco nella prima sfida a Impact Hub. Dall’inizio, e con una scelta casuale, è stata fornita loro una nuova identità. Un nuovo genere, un nuovo orientamento sessuale, una diversa posizione lavorativa e provenienza geografica. Con un piccolo dizionario i giocatori hanno potuto così vivere un’avventura di 80 giorni nei panni di un altr*, sperimentando e sperimentandosi in identità che spesso sono lontane dal loro quotidiano.

 

2015-02-25 18.46.51

 

Le sfide proposte dal gioco – quiz, mutamenti delle identità, ‘role play’ – utili ad avanzare sul tabellone da gioco, hanno stimolato il dibattito interno al gruppo e l’interattività ha aiutato a immedesimarsi nelle dinamiche di discriminazione della società.

Scopo del gioco, infatti, è quello di far sperimentare le diverse dinamiche ed intersezioni alla base dei meccanismi di diseguaglianza sociale basati sul modello di identità sessuale, sullo status professionale e l’origine. Fornire un assaggio della complessità delle interazioni sociali, iniziando a scardinare stereotipi e preconcetti.

Il gioco sarà riproposto a Impact Hub Trento giovedì  9 aprile, alle 18.

Nella sede di via Belenzani 39 si può visitare la mostra “80 giorni” di Michela Nanut.

Nella mostra sono esposte le tavole usate per illustrare il gioco da tavola. Immagini che rappresentano le prove a cui sono sottoposti i partecipanti al gioco. Nate come disegni digitali, sono diventate stampe d’arte su carta di cotone .

La mostra è visitabile tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18.

 

POLIAMORE

 

Michela Nanut, nata e cresciuta in Valle Camonica, si laurea in Filosofia della Scienza a Bologna. Dopo aver conseguito la specializzazione lavora come insegnante di sostegno nelle scuole secondarie superiori della Provincia Autonoma di Trento.

Parallelamente al percorso di insegnante comincia a lavorare come illustratrice, inizialmente contribuendo alla creazione di libri di testo con Loescher e quindi collaborando con alcune realtà in ambito provinciale.

In questi anni ha preso parte a numerosi workshop di specializzazione nell’ambito dell’illustrazione. http://www.mi-nut.tumblr.com/

Associazione Culturale [email protected] è nata con lo scopo di diffondere una cultura di rispetto della diversità, stimolando in particolare il dibattito e la curiosità sulle questioni di genere. http://gendertea.jimdo.com/.

Data
Apr 9th
Ora
18:00 - 20:00
Luogo
Prezzo
Gratis

Scopri altri eventi