Caricamento Eventi

Telecom: Indagine fotografica sul paesaggio urbano contemporaneo

Telecom

Indagine fotografica sul paesaggio urbano contemporaneo

di Luca Chistè

 

Impact Hub Trento

7 marzo – 30 marzo

Questo progetto trova le sue origini nel 2007 ed è stato condotto parallelamente ad altre ricerche, di natura tematica, attinenti il paesaggio urbano ed i mutamenti che lo caratterizzano nel corso del tempo.
Si tratta di una ricerca di tipo longitudinale, il cui focus di analisi è riconducibile alla decisione avviata qualche anno fa da Telecom e che prevedeva, a fronte della massiccia diffusione dei cellulari, un articolato piano di dismissione delle cabine telefoniche pubbliche.

Più precisamente, L’authority (Agcom), con la delibera n. 31 del 4 febbraio 2010, ha decretato, in base ai dai forniti da Telecom e dal confronto con altre realtà europee, che le Postazioni Telefoniche Pubbliche (PTP) potevano essere dismesse a decorrere dall’entrata in vigore della delibera. Telecom aveva quindi la facoltà, previa presentazione di uno specifico programma di dismissione, di rimuovere fino ad un massimo di 30.000 postazioni telefoniche pubbliche all’anno.

Se la decisione di Telecom, sotto il profilo strettamente manageriale (valutazione dei benefici costi/ricavi) e sociale (le oggettive e mutate modalità con cui le persone oggi comunicano fra di loro e con quali mezzi) appariva dotata di un legittimo fondamento, è altrettanto vero che le «cabine» Telecom (o più correttamente le diverse postazioni telefoniche pubbliche) sono state, per moltissimo tempo, parte integrante del nostro paesaggio urbano.

Come spesso accade alle infrastrutture dedicate ad un pubblico servizio, tali manufatti, sono diventati un luogo ove la cultura «underground», le persone comuni e, soprattutto il tempo, hanno costruito, spesso inconsapevolmente, testimonianze, «presenze» ed infinite, piccole storie personali od improbabili messaggi mai giunti a destinazione.. Impronte di un passaggio intenzionale o di una comunicazione estemporanea, accresciute dal valore del tempo, che tutto logora e che, anche su queste strutture, finisce con lo scavare segni profondi ed indelebili.

Sotto il profilo concettuale, quindi, le «cabine» Telecom sono tòpos nei quali, grazie alla registrazione fotografica di specifiche tracce umane o di quelle incise dal tempo, è stato possibile giungere al riconoscimento di alcuni specifici tratti socio/culturali.
L’approccio a cui si è pensato nel fare questo lavoro, cercando di mantenere per esso una precisa identità formale, cromatica e segnica, è stato quello di «catalogare» l’effimero (nell’accezione più ampia del termine), impiegando una visione che, in qualche modo, fosse riconducibile alle ipotesi definite dalle ricerche di micro-antropologia urbana.

Circoscrivere l’oggetto d’indagine ed esplorarlo nelle sue componenti essenziali è stato quindi il primo passo, metodologicamente necessario, per giungere a «Telecom».
L’obiettivo fotografico ha indagato le sopravvivenze segniche, le tracce, le scritte, le immagini appiccicate, gli oggetti, piccoli e allo stesso tempo infiniti, che si trovano nelle caleidoscopiche cabine telefoniche pubbliche. La fotocamera, prolungamento funzionale di un «microscopio- catalogatore» visivo, grazie all’organizzazione gestaltica degli elementi selezionati, ha operato un inventario di quanto appartiene a questa ritrovata «Telecom-Wunderkammer». L’osservazione di questi luoghi fotografici e lo stato di semi-abbandono in cui spesso volte essi versavano o – se sopravvissuti – versano, spingono l’analisi aldilà del «denotatum» visivo registrato sul sensore digitale per diventare, oggi, un squarcio di archeologia urbana.

Sotto il profilo simbolico, infatti, queste immagini vanno collocate entro una dimensione che rappresenta, per molti versi, un efficace spaccato della nostra imbarbarita «società civile» e, ineluttabilmente, di come tutto sia destinato a modificarsi, degradare e morire…
Questa ricerca, iniziata ancora nel 2007 in parallelo al più ampio filone di immagini sulle realtà urbana, raccolte poi nel corso degli anni in diversi progetti espositivi ed editoriali fra cui, i più significativi: “Berlino. Profili urbani” (esposta al Centro Internazionale di Verona Scavi Scaligeri), “Il quartiere Le Albere a Trento. Architettura e spazi urbani” (esposta al Museo Storico di Trento – “Le Gallerie”), prosegue l’idea che è possibile trovare fotografie interessanti nelle esperienze visive legate alla percezione dello spazio urbano. Quello spazio che comunemente viviamo giorno dopo giorno e che, troppo spesso, metabolizzato alla nostra coscienza sensoriale, ci rende incapaci di cogliere nuove prospettive di analisi e letture più attente di un territorio.

L’aver segmentato uno, fra gli infiniti possibili, piani di ricerca della città (esperienza già accaduta con il lavoro «Muri», inserito quale parallel-event per Manifesta 7) ha contribuito a rendere più intellegibile il valore del mutamento urbano in una molteplicità di significati: il mutamento «fisico» della città che viene progressivamente spogliata di uno dei suoi apparati di servizio pubblico fra i più familiari e noti; un mutamento della funzione legata all’uso di queste infrastrutture (modalità e scopi, spesso oltre la funzione prevista con cui le postazioni pubbliche sono state utilizzate e, talvolta, ancor oggi impiegate) e una trasformazione legata all’intrinseca decadenza dei manufatti con cui, simbolicamente ed esistenzialmente, ciascuno di noi si confronta…

 

NOTE TECNICHE SULLE IMMAGINI E LE STAMPE FOTOGRAFICHE

Questo lavoro è stato eseguito con fotocamere digitali Nikon full-frame ed ottiche a focale fissa; post-prodotto ed interpretato dall’autore che ha provveduto alla stampa immagini in accordo a quanto previsto dal workflow fine-art.
Le stampe sono state eseguite su carta formato A2 (59,4x42cm) di Hahnemühle Baryta da 350 gsm 100% α-cellulosa, uso di inchiostri ai pigmenti Ultrachrome K-3 ed una metodologia di stampa che è compatibile con la certificazione Digigraphie ® di Epson.

Eventuali richieste di acquisto delle immagini prevedono che l’autore esegua al massimo, nel formato A2 (59,4x42cm) 10 esemplari, esauriti i quali l’autore medesimo si impegna a non produrre nuove stampe. Tutte le stampe, sono certificate e firmate dall’autore.

WEBSITES & CONTATTI:
www.lucachiste.com | www.prettooexpo.org | www.quartierelealbere.eue-mail:[email protected]

DOWNLOAD Presentazione Rassegna

Data
Mar 7th - Apr 26th
Ora
8:00 - 20:00
Luogo
Impact Hub Trento
Prezzo
Gratis

Scopri altri eventi